Menu di servizio

Contatti  |

Profilo utente

Il sito Internet di 'Assistenza on line al Portale di Giustizia tributaria' offre

  • Leggi tutto

    in navigazione pubblica, una informativa per Cittadini e Professionisti su abilitazione e accesso al Processo Tributario Telematico e una panoramica dei servizi del Portale per i Giudici Tributari

    in navigazione riservata, solo previa autenticazione al Portale, una informativa sui servizi a disposizione dei Giudici Tributari.

Menu principale

  • Ti trovi in:
  • Home
  • /
  • Faq
  • /
  • Registrazione al PTT

Registrazione al PTT


  • Come avviene la registrazione?

    La registrazione e la gestione delle credenziali avviene tramite il Portale della Giustizia Tributaria www.giustiziatributaria.gov.it, ed è differenziata a seconda che si tratti di professionisti e contribuenti o Enti impositori del Sistema Informativo della Fiscalità (SIF) quali Agenzie fiscali, Enti locali, Equitalia, etc…
    I professionisti e i contribuenti (dotati di PEC e firma digitale) devono:

    1. Selezionare il tipo di utente e compilare i campi (quelli con * sono obbligatori)
    2. Effettuare il download del modulo e sottoscriverlo con la propria firma digitale
    3. Acquisire il predetto modulo, il documento di identità e il tesserino dell’ordine (se professionisti) e trasmettere tali documenti
    4. Ricevere dal sistema in modalità sincrona la prima parte della PW
    5. Ricevere tramite PEC la seconda parte della PW
    6. Cambiare al primo accesso la password, composta dalle due parti, che nasce scaduta

    Gli Enti impositori del Sistema Informativo della Fiscalità (SIF) che hanno modalità di registrazione semplificate devono individuare tra i propri dipendenti, gli utenti da abilitare ai servizi del PTT, previa richiesta di autorizzazione al MEF-Dipartimento delle Finanze, Direzione Sistema Informativo della Fiscalità.
    Per eventuali problematiche e nuovi accreditamenti ci si deve rivolgere all’amministratore di sistema tramite e-mail "df.utenzeesterne@mef.gov.it"

  • Cosa comporta l’erronea indicazione dell’indirizzo PEC in fase di registrazione?

    In caso di errata indicazione della PEC in fase di registrazione, l’utente non può ricevere la seconda parte della password e la registrazione non va a buon fine.
    L’utente deve riprovare ad effettuare la registrazione dopo 24 ore (tempo di sistema per la chiusura del precedente tentativo di registrazione).

  • Perché è importante verificare la validità della firma digitale sui file da allegare?

    La firma digitale deve essere valida al momento della trasmissione del ricorso affinché i file firmati siano accettati dal sistema.
    Nel caso il documento principale risulti firmato con firma non valida, il ricorso non viene accettato.

  • Cosa occorre fare se l'utente ha la password scaduta, ha dimenticato la propria password o ha l’utenza disabilitata (ad es. per un numero eccessivo di tentativi di accesso con password errata)?

    Nei tre casi l'utente deve provvedere ad effettuare il reset della password selezionando il link servizi self service e successivamente la voce “Reset password”.
    Per procedere al reset password, l’utente deve rispondere alle domande di sicurezza impostate in fase di registrazione o in alternativa deve disporre della Tessera sanitaria.

  • Come si modificano i dati inseriti in fase di registrazione?

    L'utente che vuole modificare le informazioni indicate in sede di registrazione, selezionando il link servizi self service, può accedere all’area “Identificazione con credenziali” utilizzando le proprie credenziali (userID e password) oppure può accedere all’area “Identificazione con SPID”.
    Le informazioni modificabili sono:

    • numero di iscrizione all’ordine;
    • indirizzo;
    • recapiti telefonici;
    • indirizzo di PEC.




Piè di pagina