Menu di servizio

Contatti  |

Profilo utente

Il sito Internet di 'Assistenza on line al Portale di Giustizia tributaria' offre

  • Leggi tutto

    in navigazione pubblica, una informativa per Cittadini e Professionisti su abilitazione e accesso al Processo Tributario Telematico e una panoramica dei servizi del Portale per i Giudici Tributari

    in navigazione riservata, solo previa autenticazione al Portale, una informativa sui servizi a disposizione dei Giudici Tributari.

Menu principale

Deposito richiesta accesso temporaneo al fascicolo del ricorso iscritto a ruolo

La funzionalità permette, alla parte non costituita, di depositare una richiesta di visualizzazione temporanea del fascicolo processuale dell’appello/ricorso iscritto a ruolo qualora depositato telematicamente dalla controparte, allegandovi obbligatoriamente, se trattasi di difensori, la procura di nomina.

I dati relativi al procedimento, che verranno poi inviati telematicamente, sono inseriti mediante la compilazione a schede.

L’utente è guidato in base a:

  • numero degli elementi dichiarati;
  • stato della compilazione delle schede della richiesta di accesso temporaneo al fscicolo.

L’utente, nella schermata iniziale, nel campo Tipologia di deposito appartenente alla sezione Deposito in Commissione Tributaria Provinciale - di primo grado, deve selezionare la voce Accesso temporaneo al fascicolo del ricorso iscritto a ruolo (nel caso di richiesta per accedere al fascicolo di un ricorso) oppure nel campo Tipologia di deposito appartenente alla sezione Deposito in Commissione Tributaria Regionale - di secondo grado, deve selezionare la voce Accesso temporaneo al fascicolo dell’appello iscritto a ruolo (nel caso si richiesta per accedere al fascicolo di un appello).
L’esempio sotto riportato si riferisce ad una richiesta di visualizzazione temporanea del fascicolo relativo ad un ricorso.

All'utente è presentata la scheda da acquisire per completare i dati e sono segnalate graficamente le schede complete e quelle da completare.

I campi contraddistinti dal simbolo “*” sono obbligatori.

Le schede che compongono il procedimento sono:

  • Dati generali

    La scheda Dati generali permette di acquisire o variare i dati generali della domanda di accesso temporaneo al fascicolo.

    Dati da indicare nella scheda:

    Dati per abbinamento in Commissione Tributaria

    • R.G. del Ricorso/Appello a cui si riferisce il fascicolo;
    • Numero atto * o in alternativa selezionare il campo Non presente, presente solo in caso di ricorso;
    • Estremi Sentenza * impugnata, presente solo in caso di appello;
    • Sez. sezione della Commissione tributaria provinciale, presente solo in caso si appello;
    • Commissione tributaria provinciale *, presente solo in caso di appello.

    Ricorrente

    • Tipologia * deve essere distinta, scegliendo fra: Ente Impositore, Persona Fisica o Giuridica;
    • Codice Fiscale / P.IVA *, presente se la tipologia scelta corrisponde a Persona Fisica o Giuridica;
    • Tipo ente *, presente se la tipologia scelta corrisponde a Ente Impositore. Viene mostrata la lista: Agenzie Fiscali, Enti Locali, Enti Pubblici, Amministrazioni Centrali, Organi di giustizia, Altri Enti;
    • Ente *, presente se la tipologia scelta corrisponde a Ente Impositoretranne il caso in cui il Tipo ente selezionato sia ALTRI ENTI. Deve essere selezionata una voce tra quelle presenti nella lista mostrata;
    • Provincia *, prevista e obbligatoria solo nel caso di Ente Impositore;
    • Denominazione Ufficio *, prevista e obbligatoria solo nel caso di Ente Impositore. Deve essere selezionata una voce tra quelle presenti nella lista mostrata tranne nel caso il caso in cui il Tipo ente indicato sia ALTRI ENTI;

    Resistente

    • Tipologia * deve essere distinta, scegliendo fra: Ente Impositore, Persona Fisica o Giuridica;
    • Codice Fiscale / P.IVA *, presente se la tipologia scelta corrisponde a Persona Fisica o Giuridica;
    • Tipo ente *, presente se la tipologia scelta corrisponde a Ente Impositore. Viene mostrata la lista: Agenzie Fiscali, Enti Locali, Enti Pubblici, Amministrazioni Centrali, Organi di giustizia, Altri Enti;
    • Ente *, presente se la tipologia scelta corrisponde a Ente Impositoretranne il caso in cui il Tipo ente selezionato sia ALTRI ENTI. Deve essere selezionata una voce tra quelle presenti nella lista mostrata;
    • Provincia *, prevista e obbligatoria solo nel caso di Ente Impositore;
    • Denominazione Ufficio *, prevista e obbligatoria solo nel caso di Ente Impositore. Deve essere selezionata una voce tra quelle presenti nella lista mostrata tranne nel caso il caso in cui il Tipo Ente indicato sia ALTRI ENTI.

    Tipologia Ricorso *, deve essere selezionata una voce tra quelle presenti nella lista mostrata.

    Indicare se trattasi di Ricorrente o Resistente.

    Indirizzo Pec*.

    Elementi da acquisire/già acquisiti:

    Documenti n° preimpostato.

    La presente schermata si riferisce al caso particolare in cui la richiesta di visualizzazione temporanea del fascicolo è presentata da un difensore per cui è necessario allegare la procura di nomina.

    Inseriti i dati richiesti occorre selezionare il pulsante Salva per acquisirli a sistema.

  • Documenti

    La scheda Documenti permette di acquisire la richiesta di visualizzazione temporanea del fascicolo processuale e, se trattasi di difensori, anche la procura di nomina.

    Dati da indicare nella scheda

    Richiesta accesso temporaneo al fascicolo

    • Richiesta accesso temporaneo al fascicolo: occorre dapprima dichiarare la tipologia del documento che si sta inserendo, selezionando la voce RICHIESTA ACCESSO TEMPORANEO AL FASCICOLO presente nella lista proposta dal campo Tipo documento e successivamente premendo il pulsante Acquisisci tipo documento.

    Procura nomina del difensore

    • Procura nomina del difensore: occorre dapprima dichiarare la tipologia del documento che si sta inserendo, selezionando la voce PROCURA NOMINA DEL DIFENSORE presente nella lista proposta dal campo Tipo documento.
      La pagina si aggiorna richiedendo i seguenti dati:
    • Dati difensore
      • Tipo Difensore *, deve essere selezionata una voce tra quelle presenti nella lista mostrata;
      • Cognome *;
      • Nome *;
      • Codice Fiscale *;
      • Indirizzo *;
      • Provincia *;
      • Comune *;
      • Cap *;
      • Stato *;
      • Indirizzo PEC *;
      • Numero tessera;
      • Iscrizione ordine, deve essere selezionata una voce tra quelle presenti nella lista mostrata;
      • Seleziona i nominativi delle parti difese, deve essere selezionata una voce tra quelle presenti nella lista mostrata e quindi occorre selezionare il pulsante Inserisci parti difese affinché i dati siano acquisiti a sistema.
      • Occorre selezionare il pulsante Acquisisci tipo documento affinché i dati relativi al difensore siano acquisiti a sistema.

    Selezionato, quindi, il file da caricare, selezionata la tipologia del documento nel riquadro Selezionare tipi documento, occorre premere il pulsante Carica documento affinché sia acquisito dal sistema.

    Inseriti i dati richiesti occorre selezionare il pulsante Salva per acquisirli a sistema.

    In fase di trasmissione, sul documento principale del ricorso e sugli allegati sono effettuati dei controlli:

    • Dimensione file massima 10 MB
    • Dimensione massima singola trasmissione 50 MB
    • Limite massimo di file per trasmissione 50 file
    • Lunghezza nome file massima 100 caratteri

    Se queste condizioni non sono rispettate il sistema non consente di fare l’upload dei documenti.

    In caso di esito positivo dei controlli il sistema:

    • provvede all’iscrizione del ricorso al Registro Generale;
    • rende disponibile, contestualmente, nell’area riservata l’informazione del numero di ruolo.

    In caso di esito negativo dei controlli il sistema effettua le azioni indicate nella tabella per ciascuna tipologia di controllo.

    Le eventuali anomalie riscontrate hanno una codifica puntuale pubblicata ed aggiornata nell’area pubblica del Portale della Giustizia Tributaria.

    Le stesse informazioni vengono inviate all’indirizzo PEC del soggetto abilitato.

  • Validazione

    La scheda Validazione fornisce un riepilogo della NIR inserita e offre la possibilità di:

    • stamparla, nel formato di bozza, selezionando il pulsante Download Riepilogo;
    • validarla, selezionando il pulsante Valida.

    Selezionato il pulsante Valida, viene richiesta una conferma della validazione che avverrà selezionando nuovamente il pulsante Valida.

    Una volta effettuata correttamente l’operazione di validazione la NIR non è più modificabile e viene nuovamente proposto un suo riepilogo.

    E’ possibile:

    • stampare la NIR, nel formato definitivo selezionando il pulsante Download Riepilogo;
    • effettuare la trasmissione telematica, selezionando il pulsante Trasmetti.

    Al momento della trasmissione telematica sarà controllata la presenza di una pratica con stesso: numero atto, ricorrente e resistente per evitare eventuali invii doppi. In caso il controllo trovi dei riscontri, all’utente verrà emesso un avviso, non bloccante, sulla eventualità di un doppio deposito.

    Selezionato il pulsante Trasmetti, viene richiesta una conferma della trasmissione che avverrà selezionando nuovamente il pulsante Trasmetti.

    Se la trasmissione è effettuata correttamente la ricevuta di avvenuta trasmissione, con il relativo identificativo della trasmissione (e un riepilogo dei dati trasmessi), viene mostrata sia a video che inviata alla casella di posta certificata indicata.

    E’ possibile stampare la NIR, nel formato definitivo selezionando il pulsante Download Riepilogo.

    Effettuata la trasmissione telematica ha inizio l’elaborazione della documentazione inviata che può avere in alternativa:

    • esito positivo, con conseguente iscrizione al Registro generale ed eventuale comunicazione delle segnalazioni riscontrate;
    • esito negativo, con comunicazione degli eventuali errori.

    La comunicazione di tale esito avviene entro le 24 ore successive alla trasmissione sia nell’area riservata sia tramite l’invio all’indirizzo PEC del soggetto abilitato.

  • Stati della NIR

    La Nir può assumere gli stati seguenti:

    • Incompleta: N.I.R. in completamento e quindi non ancora validata;
    • Validata: N.I.R. completata, validata ma non ancora trasmessa telematicamente;
    • Trasmessa: N.I.R. completata, validata e trasmessa telematicamente;
    • Depositata: N.I.R. riferita ad un ricorso o un appello telematico che è stata completata, validata, trasmessa telematicamente, che ha passato con esito positivo tutti i controlli, bloccanti o meno, e per cui è stato staccato un numero di R.G.
    • Acquisita: N.I.R. riferita ad una controdeduzione od ad un atto successivo telematico che è stata completata, validata, trasmessa telematicamente, che ha passato con esito positivo tutti i controlli, bloccanti o meno, e che è stata acquisita dalla Commissione Tributaria di competenza per effettuare l’abbinamento;
    • Depositata con anomalia: N.I.R. riferita ad un ricorso o un appello telematico che è stata completata, validata, trasmessa telematicamente, che, nei documenti elettronici che la compongono, ha riscontrato nella fase dei controlli delle anomalie non bloccanti e per cui è stato staccato un numero di R.G. con indicazioni delle suddette anomalie;
    • Acquisita con anomalia: N.I.R. riferita ad una controdeduzione od ad un atto successivo telematico che è stata completata, validata, trasmessa telematicamente, che, nei documenti elettronici che la compongono, ha riscontrato nella fase dei controlli delle anomalie non bloccanti e con indicazioni delle suddette anomalie;
    • Rigettata: N.I.R. che è stata completata, validata, trasmessa telematicamente ma che ha riscontrato delle anomalie bloccanti sul documento principale e quindi vengono rigettate dal sistema.
  • Suggerimenti

Piè di pagina